sabato 27 ottobre 2012

Savarin dell'Artusi



Ingredienti per uno stampo da 25 cm di diametro (modificati rispetto alla ricetta originale)
 
200 g di farina manitoba
15 g di lievito di birra
60 g di burro morbido
50 g di zucchero
40 g di mandorle tritate
2 dl di latte (anche meno)
2 rossi d'uovo e 1 chiara
un pizzico di sale

Per lo sciroppo

30 g di zucchero
3 cucchiai di acqua
2 cucchiai di rum
1 bustina di va(i)niglia
1 cucchiaino di zucchero vanigliato

Preparare un lievitino; stemperare il lievito di birra in tre cucchiai di latte tiepido, aggiungere la farina in quantità da impastare un piccolo panetto. Porre il panetto in una ciotola con un cucchiaio di latte sul fondo e lasciar lievitare per 1 ora, fino a che raddoppi il volume. Unire alla farina rimasta zucchero, uova, sale e iniziare a lavorare l'impasto aggiungendo di seguito il lievitino e il burro. Il latte va aggiunto alla fine, con lentezza. Lavorare il composto fino a formare un impasto liscio. Imburrare lo stampo e spolverarlo leggermente di farina e zucchero a velo. Spezzare le mandorle (io le ho tritate grossolanamente) e cercare di  farle aderire alle pareti e al fondo dello stampo, nel quale verserete l'impasto che dovrà arrivare solo a metà altezza. Lasciar lievitare per 4 ore in un luogo caldo e privo di correnti d'aria. Riscaldare il forno a 180° e infornare il savarin per 20 minuti.
Nel frattempo preparare lo sciroppo, mettendo in un pentolino l'acqua e lo zucchero; ponete il recipiente su fuoco bassissimo, rigirando continuamente; quando lo zucchero sarà sciolto, alzate il fuoco e continuate a mescolare fino a che, alzando il cucchiaio, questo rimanga coperto da uno strato di sciroppo. Spegnere e lasciar raffreddare prima di unire il rum, lo zucchero vanigliato e la va(i)niglia.
Sformare il savarin e, caldo, pennellate tutta la sua superficie con lo sciroppo.

PS
Il savarin si può servire tale e quale, come un babà, oppure riempirlo con frutta e panna montata.

10 commenti:

  1. ma quanto mi piace?la mangiai un paio di volte ma tanti anni fa,un motivo in più per provare la tua versione:)
    grazie per gli auguri,sereno fine settimana:)

    RispondiElimina
  2. Grazie, il mio primo savarin!

    RispondiElimina
  3. Il savarin è un dolce che non ho mai fatto ed è sempre in programma..questo tuo è bellissimo!
    sei proprio brava!
    ciao
    ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La preparazione è simile a quella del babà. Grazie per esserti iscritta.

      Elimina
  4. Non l'ho mai preparato... e credo di non averlo neanche mai assaggiato finora. L'aspetto è davvero bellissimo, mette proprio voglia di mangiarne qualche fetta.
    Buona notte!

    RispondiElimina
  5. Ti assicuro che è anche molto buono. Grazie Ilaria

    RispondiElimina
  6. io l'adoro e non l'ho mai fatto...
    :D
    grazie per la ricetta
    :)
    Cla

    RispondiElimina